Ultime recensioni

mercoledì 2 marzo 2016

Vertigine di Sophie Jomain Recensione

Buon mercoledì! Grazie alla Fazi ho letto Vertgine di Sophie Jomain, un Paranormal Romance che rivaluta e ricrea la leggenda dei lupi mannari. Con uno stile semplice ma coinvolgente, l'autrice ci racconta la storia di Leith e Hannah. L'amore è l'elemento principale e... Leggete!



Titolo: Vertigine
Autore: Sophie Jomain
Editore: Fazi
Pagine: 300
Genere: Paranormal romance
Prezzo: € 13,50
Uscita:  11 Febbraio 2016


TRAMA


All’alba dei diciotto anni, Hannah è semplicemente furiosa all’idea di lasciare Parigi per trascorrere un’altra vacanza estiva a Wick, la piccola cittadina a nord della Scozia dove vive la nonna. Per una ragazza della sua età, abituata alla frenesia della metropoli, non esiste posto più noioso. A risollevarle il morale, per fortuna, ci sono le vecchie amicizie ma anche le nuove conoscenze, fra cui il misterioso Leith, dalla bellezza statuaria e dal fascino irresistibile. Non importa se su di lui circolano strane voci: l’attrazione è immediata, reciproca e incontenibile. Per Hannah sembra che stia iniziando la storia d’amore che tutte le ragazze sognano, ma ogni fiaba che si rispetti ha il suo lato oscuro, e quella della giovane si sta per trasformare in un incubo. Fra antichi racconti e creature straordinarie, sullo sfondo del suggestivo paesaggio delle lande scozzesi e delle coste del Mare del Nord, Vertigine coinvolge il lettore in una sto- ria avvincente che soffia sul fuoco del mito, facendo divampare le fiamme della leggenda e della passione. Una trama emozionante unita a una scrittura ipnotica che vibra della scoperta del primo amore sul filo incredibile della magia. Perché le fiabe a volte sono più reali di quanto pensiamo.

Image and video hosting by TinyPic


Vertigine è l’esordio francese di Sophie Jomain, primo di una serie di romanzi che rivalutano il mito dei lupi mannari presentando una storia sicuramente originale e decisamente adatta ad un pubblico piuttosto giovane. 
Con questo non voglio dire che la storia non mi sia piaciuta, anzi, è l’esatto opposto. 
Ho trovato lo stile dell’autrice innovativo ed intrigante, la sua fantasia è riuscita a mescolare più leggende e miti riguardanti i lupi e a crearne una versione romanzata assolutamente nuova ed interessante. 
Hannah, la protagonista, vive a Parigi ma è solita passare le vacanze in una piccola cittadina della Scozia, a casa della nonna Elaine. Lì ha diversi amici che l’attendono ogni volta con impazienza e anche uno spasimante. Questa volta però, nonostante le sue reticenze nel recarsi a Wick, troverà una piacevole sorpresa ad attenderla. 
Il bellissimo Leith che l’affascina al primo sguardo. I due s’incontrano assolutamente per caso all’aeroporto dove non sfugge ad entrambi la loro particolare attrazione e il fascino che esercitano l’uno sull’altra. 
I successivi incontri avvengono a Wick, splendida cittadina scozzese che rappresenta nel migliore dei modi la fascinosa ambientazione del romanzo. 
Le terre incontaminate e magiche sono i luoghi prescelti dall’autrice per incantare il lettore e trasportarlo con tutti i sensi in quei posti fantastici con la sensazione costante che siano reali. 
C’era. Dietro di lei. Indossava un meraviglioso completo nero. Per poco non svenni. Chi diavolo aveva invitato Leith Sutherland? 
Hannah è una diciottenne molto forte e determinata, a tratti ingenua, come spesso accade alla sua età, ma è sicuramente un personaggio a tutto tondo che decide di lottare per ciò che vuole nonostante gli ostacoli siano tanti e apparentemente insormontabili. Leith è un ragazzo solitario ed introverso che nasconde un pericoloso segreto. Non vi nascondo che il mistero che lo circonda riguarda la sua natura di lupo ma in questo romanzo non leggerete la solita storia a cui siamo abituati ma qualcosa di decisamente nuovo. L’autrice divide i lupi mannari in cinque gruppi: HomidCrinosLupis, Glabro e Hipso. Ognuno di essi ha delle caratteristiche specifiche e addirittura sono anche etichettati in base al grado di pericolosità che possono rappresentare per gli esseri umani. In effetti questo mi sembra un aspetto fondamentale, sicuramente il più importante soprattutto se pensiamo al rapporto che si stabilisce tra Hannah e Leith. 
Purtroppo il ragazzo bello e anche molto gentile, quasi da sembrare irreale, appartiene alla razza più pericolosa e questo non sarà che uno dei tanti ostacoli che i due protagonisti dovranno affrontare se vorranno stare insieme. 
Molti hanno paragonato questa storia a quella di Twilight e la stessa autrice, Sophie Jomain, ha dichiarato di esserne stata influenzata e come negarlo? In effetti alcuni aspetti simili ci sono ma come si fa a non riscontrare dei rimandi dopo aver conosciuto la storia di Bella ed Edward? Ovviamente qui non si tratta di vampiri ma di lupi e c’è un elemento totalmente a favore di questa storia che è l’originalità dell’autrice. La Jomain dimostra di avere davvero una fantasia illimitata a cui dà libero sfogo nel migliore dei modi, riuscendo a far apprezzare al lettore non solo le sue qualità innovative ma soprattutto l’ambientazione e la creazione di due personaggi che riescono ad inquadrare bene la storia e a renderla accattivante. 

L’amore è al primo posto, inutile negarlo ma sono anche altri i sentimenti che vengono affrontati come l’amicizia, il rispetto e l’affetto verso le persone care. Le famiglie e gli amici di entrambi i protagonisti occupano un ruolo prezioso anche se possono apparire al di fuori del contesto principale. A modo loro entreranno in scena al momento opportuno e sapranno rivelare la loro funzione e la loro importanza. 
Lo stile narrativo è semplice, fluido e scorrevole. Il linguaggio è diretto, è inutile aspettarsi grosse meraviglie di stile, la storia scorre dall’inizio alla fine in modo gradevole ed anche essenzialmente intuitivo senza richiedere grosso sforzo al lettore sia nella comprensione che nel seguire il filo del discorso. 
Una narrazione misurata, che rientra nei canoni del Young Adult, e che si dimostra innovativa e coinvolgente nel limite della sua stessa natura, senza eccedere e senza mancare in qualcosa. 
Vertigine è un romanzo molto romantico, ancora una storia dedicata all’amore e che nell’amore trova la forza di combattere per salvarsi. Adatto a chi ama i paranormal, il mondo dei lupi ed è curioso di scoprire una nuova prospettiva che li riguardano. Questo è solo il primo di cinque romanzi che mi auguro mantengano lo stesso ritmo e la stessa forza trascinante, la medesima originalità e la consapevolezza di leggere una storia che nonostante tratti argomenti ampiamente sfruttati, è riuscita a colpire nel segno e a dire qualcosa di diverso, qualcosa in più. Quanto meno ha allargato gli orizzonti e adesso i lupi hanno qualcosa di diverso da dire. Chi di voi ha voglia di ascoltarli?

7 commenti:

  1. Mi incuriosisce, sai? E trovo la cover molto bella!

    RispondiElimina
  2. Non sembra male ma forse per me è troppo adolescenziale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende, io gli darei una possibilità! ^_^

      Elimina
  3. Altroché se interessante!
    Questi libri hanno un fascino a sé e da ultra trentenne quale io sia, penso che è come un toccasana tornare un po' indietro nel tempo, no? In fondo so che Twilight è stato amatissimo anche dalle non più giovanissime :-)))
    E il teaser è come una cartolina. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo con te, Federica. Anche io sono ultra trentenne e l'ho apprezzato. Grazie! Sto cercando di migliorare con i teaser! <3<3<3

      Elimina