Ultime recensioni

martedì 3 marzo 2015

L'eternità rubata di Luigi Mancini Segnalazione


Buongiorno cari lettori, oggi vi presento un romanzo intenso e sorprendente, nel quale potrete trovare tutte le emozioni e le sensazioni umane raccontate sia attraverso la parola narrata che l’abile arte poetica. L’eternità rubata di Luigi Mancini è un romanzo che difficilmente può essere classificato all’interno di un genere letterario e forse proprio in questo consiste la sua forza e la sua capacità di coinvolgere e sconvolgere. Una storia d’amore prima di tutto ma anche di amicizia, di fratellanza, di violenza e di passione, in tutte le sue forme.


Eccovi la cover e la trama! Fatemi sapere cosa ne pensate!


"Perché amarsi è un lampo, un momento che si ferma sulle labbra di un bacio. Ma esiste un limite? Quanto si può rischiare per amore? Non meno di tutto, questo è certo."


Trama
Una mattina di Marzo gli occhi di Elisa sfiorano per un istante di troppo quelli di Stefano, un cantautore sconosciuto della provincia di Napoli, destinato a scombussolare il cuore della donna. I due non potrebbero essere più diversi... Lui, un ragazzo semplice e malinconico, senza lavoro e libero; lei, ricca, prigioniera delle sue scelte e sposata a un uomo prepotente e pericoloso. 
Questa è la storia di due fragili e inseparabili anime. 
In un luogo come Casandrino, quando l'amore accade, viene visto come un demone da esorcizzare. I due si innamorano, si straziano la pelle e l'anima, sfidano la malvagità di persone corrotte e senza pietà alcuna, sfidano se stessi e l'eternità.

Biografia
Luigi Mancini nasce il 5/09/1980 e vive a Reggio Emilia. Scrive fin da giovanissimo, soprattutto poesie. Ama la musica e scrive canzoni. “Il punto esatto di due anime” è il suo romanzo d’esordio.




8 commenti:

  1. Sembra diverso dai soliti segnalati.

    RispondiElimina
  2. Amo le storie d'amore tormentate

    RispondiElimina
  3. sembra interessante grazie per la segnalazione

    RispondiElimina
  4. Este año como cada año, nuestro tren parara en alguna estación, depende de cada uno de nosotros dejar ir a la tristezas, miedos, frustraciones, malos momentos, desamor. Agradece a cada uno de ellos.. su compañía y sus enseñanzas, aunque hayan sido dolorosas, déjalos ir, déjalos bajar de este tren. Deseo que en esta parada, a tu tren suban miles de bendiciones, sueños alcanzables, amor, abundancia, fuerza y determinación para seguir tu viaje.
    Hoy en mi vagón quedaran puestos desocupados y espero te sientes a mi lado para compartir junt@s este nuevo viaje. FELIZ NUEVO COMIENZO EN ESTE AÑO 2015!!!

    RispondiElimina