Ultime recensioni

venerdì 2 giugno 2017

Sweetest Venom di Mia Asher Recensione

Buongiorno cari lettori! Ammaliata dalla storia di Blaire raccontata in Beautiful Girl di Mia Asher, ho voluto proseguire la lettura regalandomi il sequel ed ultimo capitolo di questa storia, leggendolo direttamente in inglese. Se possibile, ancora più bello, terrificante ed intenso del primo. Ho fatto decisamente bene a non aspettare!
(Gli estratti sono stati tradotti da me, quindi se li prendete, citatemi!)

sweetest venom
di Mia Asher

Editore: Selfpublishing
Pagine: 222
GENERE: New Adult
Prezzo: 3,77 
Formato: eBook
Data d'uscita: 1 Aprile 2016
Link d'acquisto: QUI

Trama:
Love is the sweetest venom. Lawrence I told her I wanted her body and not her love. I lied. Ronan I fell in love with a lie... She was beauty and destruction. Kissing her was a tender song. Owning her body, a wild poem. Loving her, my downfall. But she was mine. Or so I thought. Blaire One man offer me his love. The other, the world. I'm falling, falling, falling ... And there's no end in sight.

RECENSIONE

Recensire un libro che non ti è piaciuto lo trovo decisamente più facile del contrario e sapete perché? Perché nella testa hai tutti gli elementi che ti hanno disturbato, li vedi, li conti, uno ad uno ed è semplice buttarli fuori, quasi con rabbia e con indignazione, perché almeno nel mio caso, odio fare recensioni negative. Ma quando una storia ti fa tremare, è tutto così dannatamente difficile… Non hai in testa nessun elenco, hai solo tanta confusione e al posto della freddezza e del distacco di ciò che non ti è piaciuto, hai solo tante emozioni che si contrappongono e che non ti fanno capire granchè.

Se Beautiful Girl mi era piaciuto tanto, il sequel, Sweetest Venom, è stata una vera e propria fucilata. Letto in inglese in poco tempo, mi ha fatto letteralmente sobbalzare dalla sedia e sperare che non finisse mai. Se ho amato Ronan nel primo romanzo, in questo l’ho maledettamente adorato. Un occhio di riguardo per Lawrence che non ho mai apprezzato fino in fondo ma che in questo secondo capitolo dimostra di essere un uomo con gli attributi, uno di quelli che incontri una sola volta nella vita, se sei fortunata.

La nostra cara Blaire è un fiume in piena. Ormai ha fatto la sua scelta: il corpo ed i soldi, mettendo da parte mente e cuore. Ha lasciato Ronan, la parte luminosa della sua vita, quello che l’ha fatta davvero innamorare, l’uomo con le lentiggini, lo sguardo sensuale e un corpo da urlo. Quello con una sorella da proteggere e un nipotino di cui prendersi cura, insomma: quello da amore eterno.
Ma è davvero così, o anche le persone più insospettabili possono cambiare?

Lui è ancora più bello di come lo ricordavo, ma è diverso. Sembra di qualche anno più grande, ed è più duro. C’è qualcosa di pericoloso nel suo sguardo che non c’era prima, e questo lo rende ancora più attraente.

Tremate, tremate, tremate. Perché in questo secondo romanzo, che non so quando arriverà tradotto in Italia dalla Newton, spero decisamente presto, Mia Asher stravolge qualsiasi gioco, truccando ogni dannata carta.

Blaire crede di essere al sicuro tra le braccia di Lawrence, tra appartamenti, soldi e cene da urlo. Vestiti che sfoggia come se non ci fosse un domani e incontri sessuali memorabili. Ma nella sua testa c’è un unico pensiero, un unico uomo, un’unica dannazione che porta il nome di Ronan.
Ma il nostro uomo sta cercando di rifarsi una vita e ci riesce nel momento in cui incontra Rachel, una donna uscita da poco da un divorzio terribile che lo introduce nel mondo dell’alta società presentandolo a tutti quelli che contano e aprendogli la strada per la sua carriera di fotografo.
What else?
Il nostro Ronan crede di essere in paradiso, la donna che lo sta aiutando coincide generosamente anche con quella che si porta a letto e con la quale condivide pensieri ed emozioni, peccato che il suo cuore appartenga ad un’altra. Ed è proprio in nome di Blaire che lui decide di cambiare.

Ebbene sì, colpito dalle parole che lei gli disse quando chiuse la loro relazione, cioè che era una cacciatrice di dote e che voleva soltanto i soldi, Ronan decide di vendicarsi intraprendendo la stessa strada dell’ex amante. Grrr!

Anche se Lawrence mi lasciasse, non scoperei mai con te. Non scopo con la classe operaia.

Oh, dannata Blaire, ma cosa dici?! È ovvio che Ronan mi va fuori di testa!

Terribile e tragico il loro epilogo ma mai quanto la sofferenza che entrambi provano sapendosi nelle braccia di un altro. 
L’amore di Ronan e Blaire è puro dolore.
Non aspettatevi rose e fiori, non esistono in questo romanzo, nemmeno per un attimo.

Ronan porterà avanti la sua vendetta, nonostante il suo cuore non faccia altro che battere per un’unica donna, ma lui cercherà in tutti i modi di fargliela pagare e Blaire… Mio Dio. 

Conosceremo per filo e per segno tutta la sua infanzia ed adolescenza, il rapporto con la madre e con il padre e tutto ciò che l’ha fatta diventare la donna che è adesso: senza scrupoli.
Ma quanto si può cambiare per amore? O meglio dire, per il dolore che ti provoca l’amore?

Ti dimenticherò, Blaire. Lo farò. Annienterò il mio amore per te anche se dovesse costarmi l'anima.

Blaire si renderà conto di amare Lawrence, una parte di lei lo amerà per sempre ma non basta, non basta se Ronan gli è entrato nel sangue, se Ronan la fa respirare, se Ronan la uccide.
Lui, così cambiato, così sexy, selvatico, sicuro di sé, arrogante, magnetico, adesso. Adesso che è diventato famoso, adesso che non è più quello di prima, che la guarda e la tratta come la sgualdrina che è stata.

Quanto puoi fingere di non amare? Quanto a lungo può durare la tua maschera prima di cadere miseramente e fare così tanto rumore?

Lottiamo per dominarci. La mia vita nelle sue mani, il suo orgoglio nelle mie. Entrambi vinti.

Sweetest Venom è un romanzo cattivo, senza mezze misure, capace di portarti sulle vette più alte e farti sentire addosso il brivido agghiacciante della paura. Ho amato la trasformazione di Ronan e quella di Blaire. Il ruolo di Lawrence è fondamentale, ma ad un certo punto scompare a confronto del sentimento distruttivo che unisce i due protagonisti.
Mia Asher è maestra nello spezzare il cuore. Nel rimettertelo a posto, solo per il gusto di spezzartelo di nuovo. Povera Blaire, costretta a soffrire ancora di più di quanto non abbia già fatto ma il destino saprà regalarle ciò di cui ha bisogno anche se dopo tanto penare. Questo romanzo è come uno scoppio violento, una caduta rovinosa, una spina nel fianco. Leggerlo in lingua è essere avvolta da una marea di emozioni, quelle parole, prese singolarmente, sono frecce che ti fanno sanguinare la carne. 

Ogni singolo vocabolo è un inno alla vita e alla morte. Passione e sensualità, erotismo, gioco psicologico, tremito e agonia. Non esiste il piacere senza la sofferenza, in questa storia entrambi vanno di pari passo dall’inizio alla fine e non c’è niente da fare, non te li scrolli di dosso, nemmeno a pensarci. Hai solo voglia di bere, hai tanta sete, bere da quelle parole, trovare una sorta di soddisfazione ma non c’è nulla che possa eguagliare la bellezza di un romanzo quando ti entra dentro senza permesso e ti rimane, fregandosene di chiederti se può restare.

8 commenti:

  1. Ciao Antonietta. Come sempre, quando un libro ti entra dentro, lo trasmetti alla perfezione e scrivi recensioni magistrali. Non ho letto nulla di questa autrice ma la conosco di nome e questa serie, dopo parole così travolgenti, è sicuramente in lista adesso*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virginia! Mi sono davvero innamorata della storia di questi personaggi e dello stile dell'autrice che non ti fa respirare, non ti dà tregua. È tutto in salita, non c'è alcuna discesa e spesso ho sentito proprio l'ansia di sapere, di sperare.
      Spero davvero tu possa leggerlo! <3

      Elimina
  2. Come sempre le tue recensioni toccano l'anima di chi le legge. Avevo già adocchiato il primo volume di questa serie e con la tua recensione mi hai fatto lo stesso effetto che mi avevi fatto con Conviction. Di sicuro non me la farò scappare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felice, perchè secondo me è una storia che merita davvero, leggerla poi in lingua originale, nel secondo romanzo, mi ha permesso di apprezzarne ancora di più l'intensità e la passione, anche dolorosa, soprattutto dolorosa, che si evince in tutto il romanzo.
      Felice di averti intrigato! <3

      Elimina
  3. Anto, la tua recensione è tutta su Ronan... la mia tutta su Law! La guerra dei Team xD ahahahahahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Chiara, da queste parti Ronan forever! :*

      Elimina
  4. Ciao Antonietta <3 Finalmente torno a rileggere le tue meravigliose recensioni! (ogni tanto sparisco nel nulla). Dopo queste parole è impossibile non avere voglia di assaporare questa storia, infatti credo che correrò subito a recuperare il primo libro, con la speranza che questo esca al più presto in italiano. Sono sicura che mi piacerà *_*
    Un abbraccio <3<3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, e io sono felice che tu sia di nuovo qui! Ti piacerà sicuramente sia il primo che questo, ci metto la mano sul fuoco! <3

      Elimina