Ultime recensioni

venerdì 19 maggio 2017

Beautiful Girl di Mia Asher Recensione

Buongiorno cari lettori! Grazie alla Newton Compton vi parlo di un romanzo che ero molto curiosa di leggere. Una storia particolare, con una protagonista determinata e dalle scelte sicuramente discutibili che non piacerà proprio a tutti. Con un finale apertissimo che mi ha spinto ad acquistare il continuo in inglese pur di leggerlo subito!

beautiful girl
di Mia Asher

Editore: Newton Compton
Pagine: 256
GENERE: Erotico
Prezzo: 5,90 € - 4,99 
Formato: Cartaceo - eBook
Data d'uscita: Maggio 2017
Link d'acquisto: QUI

Trama:
Blaire White è stata una bambina trascurata, che ha passato tante notti a piangere a causa della perenne assenza dei genitori e di una cronica mancanza di affetto. Il suo dolore alla fine si è trasformato in amarezza e il suo desiderio di essere amata è diventato un bisogno di sentirsi adorata dagli uomini che seduce, che usa e poi rifiuta. Fino a quando si ritrova faccia a faccia con due uomini che, per la prima volta, sono capaci di penetrare quella corazza inespugnabile che è diventata la sua anima. Ronan è sentimento allo stato puro, l’incontro con l’innocenza dello sguardo, il risveglio di sensazioni che pensava di aver dimenticato. Lawrence invece è un uomo d’affari di successo, sa esattamente quello che vuole. Ma cosa desidera davvero Blaire? E soprattutto è ancora in tempo per capire che cos’è l’amore?

RECENSIONE

Beautiful girl è un romanzo senza mezze misure, una di quelle storie che fin dalle prime battute capisci essere o bianca o nera, che non fa sconti e che ti sbatte in faccia la realtà così com’è, senza preavviso e senza alcun tentativo di addolcire la pillola.

Ciò che crea Mia Asher è una storia dove la protagonista può far storcere il naso a tutte quelle lettrici che amano i personaggi femminili sottomessi e gentili, ingenui e pieni di amore, se è così, state bene alla larga da questa storia, perché vi farà dannare.
Blaire è una che sa il fatto suo, ha un carattere così duro e freddo da far rabbrividire. È un mix esplosivo perché al contempo è anche piena di passione, le piace in modo smodato il sesso e soprattutto i soldi.

«È così bello essere desiderata… bellissimo. Mi fa sentire potente e ne voglio di più, come una droga micidiale sparata nelle vene.»

Adora fare la toy girl, esattamente la ragazza giocattolo, meglio ancora se il suo corpo danza tra le braccia di un uomo che oltre ad avere un bel aspetto fisico, ha anche le tasche piene di soldi.
Elemento importantissimo affinchè lei si avvicini, si lasci toccare e ovviamente portare a letto: un ingente conto in banca.

Blaire racconta parte della sua infanzia ed adolescenza e scopriamo una ragazza che ha vissuto con una madre assente dal punto di vista affettivo ed un padre alcolizzato. Le sofferenze provate a causa di questa situazione, l’hanno condotta a scegliere di non voler mai più provare amore per nessuno, lasciandosi sedurre solo dalla lussuria più sfrenata e dalla ricchezza.

È una donna non bellissima ma sicuramente attraente, dai lunghi capelli neri, gli occhi azzurri ed un corpo a clessidra. Sa come farsi desiderare, come ammaliare, il fascino è innato in lei e lo usa per conquistare e poi per abbandonare, laddove non ne può più.

«L’amore non è l’unica cosa che conta nella vita. È un sentimento che in pochi si possono permettere senza sofferenze annesse.»

Si definisce una cacciatrice di dote ed il suo personaggio è molto controverso, perché attraverso ogni pagina viviamo con lei i suoi conflitti interiori, le sue voglie, i suoi desideri e la sua irrefrenabile passione che sembra essere troppa per essere contenuta tutta in un’unica donna.
Blaire è quel tipo di femmina che ha cervello e bellezza, che d’istinto incanta qualsiasi essere di sesso maschile, ma è anche furba, astuta, determinata, sa benissimo cosa vuole e non intende accontentarsi.

Purtroppo per lei, dopo una sfilza di uomini che l’hanno usata come amante, riempendola di regali e di voglie, incappa in un uomo, Ronan, che le mostra, senza volerlo, cosa significa avere una vera vita, una famiglia e soprattutto una persona che ti ami, per davvero.
Ronan la conquista fin dal primo sguardo. È un ragazzo alla mano, di una bellezza imperfetta e selvatica, i capelli ribelli e le lentiggini sul naso, ed è proprio la sua apparente spensieratezza, la sua generosità, la sua esuberanza a colpirla nel profondo. Ma è soprattutto il modo in cui Ronan la guarda, un modo unico che la fa sentire una persona diversa, che scava nella sua anima e riporta a galla tutto quello che ha cercato di tenere a bada sotto la cenere.

«Vorrei distogliere lo sguardo ma non ci riesco. Il modo in cui mi fissa mi fa venir voglia di dimenarmi.»

Blaire è una tosta, sicuramente, una che s’impone, che cerca sempre di controllare il gioco ma con Ronan non ci riesce, perché lui la travolge, come può travolgerti qualcosa che ti arriva addosso all’improvviso e per la quale non sei preparato, per il semplice motivo che non te l’aspetti e soprattutto pensi di non meritare niente di tutto questo.

Tra i due c’è un’attrazione straziante, una passione spasmodica, elettrica, disperata, agognante. Ma quanto l’innamoramento ormai vicino potrà non spaventare una donna come Blaire?
In più, aggiungete l’arrivo di Lawrence, un uomo non ricco, di più, che la tenta facendole una proposta alla quale lei non può rinunciare.

«Perché mi fai questo? Per una volta sto cercando con tutta la mia volontà di fare la cosa giusta».
«Perché questo», risponde affondando le mani tra i miei capelli e spingendomi a sé, cancellando lo spazio tra i nostri volti, «è inevitabile».

Se poi aggiungete che anche lui è di una bellezza da mozzare il fiato, una vera pantera, dai modi educati e perfetti, dall’aspetto distinto e sofisticato che negli occhi nasconde un vero animale da letto, pronto a soddisfarla in tutti i modi possibili, che altro manca per perdere la testa?

Insomma due uomini totalmente diversi che l’attraggono allo stesso modo e con i quali, in un modo o nell’altro, dovrà fare i conti.
Chi sceglierà Blaire? Ronan, l’amore e la sicurezza, l’ingenuità e la dolcezza ma soprattutto la verità del suo essere tenuto segreto e protetto o Lawrence, i soldi, il sesso, la possessione, l’irruenza, il dolore, e la maschera?
Beautiful girl non è un romanzo autoconclusivo, infatti l’autrice ha già pubblicato il seguito e ultimo libro, che non so quando verrà tradotto in Italia. A parte questo piccolo dettaglio, spero che questa situazione non penalizzi questa storia che riesce ad essere coinvolgente e convincente nonostante sia assolutamente out. Elettrizzante, disdicevole e ineluttabile.

«Non capisci, Blaire? Non ci arrivi? Tu mi stai dentro. Sei in ogni cosa che vedo. In tutto quello che tocco.»

È una storia che mi ha coinvolto, emozionato, divertito e anche fatto riflettere. Atmosfere che dire bollenti è poco, sensualità e intrigo da vendere e nessuna possibilità di annoiarsi. Uno stile che mi ha colpito perché pieno di termini, di descrizioni nei momenti giusti, che si differenzia dalla solita scrittura erotica e passionale, piuttosto ripetitiva e banale. Scritto molto bene, anche se in alcuni punti abbastanza spinto che propone una visione dell’amore e del sesso senza alcuna mistificazione o finzione. 


I personaggi sono quello che vediamo, diretti, cattivi spesso, ma anche profondamente veri. C’è chi nasconde più di un segreto e io spero di scoprirlo presto perché ho appena acquistato il seguito in inglese, non sono riuscita ad aspettare! Questo la dice lunga sulla mia curiosità e non posso far altro che consigliarlo sia come storia d’amore, sia come romanzo libero, ribelle, anticonvenzionale e sicuramente contaminato, perché la storia di Blaire non è trasparente, non è luminosa né esemplare, è una storia tormentata, spietata e contorta ma sicuramente appagante.


1 commento:

  1. Ciao Antonietta <3
    Mi hai intrigato con questa tua recensione e anche parecchio. Adoro i personaggi femminili tosti e con un grande carattere e Blaire mi ricorda vagamente la protagonista di Maestra di Lisa Hilton.
    Sono più che convinta di voler leggere questo libro, il problema è quando perché l'unica cosa che mi frena è il finale aperto. Non vorrei rimanere con il desiderio frustrante di voler conoscere il seguito, così come successo con Dark Blue, di cui sto ancora aspettando che la Newton Compton si decida a pubblicare il secondo capitolo.
    La tentazione di leggerlo subito è tanta, ma deciderò con calma :)
    Un abbraccio grande <3<3<3<3

    RispondiElimina