Ultime recensioni

mercoledì 13 gennaio 2021

SCANDALOUS. SENZA INIBIZIONI di L.J.Shen

Buongiorno! Eccomi a parlarvi dell'ultimo romanzo scritto da L.J.Shen dedicato ai quattro ragazzi di Todos Santos. Questa volta è il turno di Trent con Scandalous. Senza inibizioni. Ammetto che non mi aspettavo nulla da questo libro, anzi, credevo che non mi sarebbe piaciuto, e invece, è successo l'esatto opposto!

scandalous. senza inibizioni

di L.J.Shen
Editore: Always Publishing
Pagine: 360
GENERE: Contemporary Romance
Prezzo: 5,99€ - 14,90
Formato: eBook - Cartaceo
Data d'uscita: 2020
LINK D'ACQUISTO: ❤︎
VOTO: 🌟🌟🌟🌟🌟

Trama:
Edie Van Der Zee è all’apparenza una ricca principessa viziata, ma la sua vita è tutt’altro che lussuosa. Quando suo padre, manipolatore e senza cuore, la obbliga ad andare a lavorare per la sua società, Edie scopre presto che la proposta cela uno spietato ricatto: se vuole proteggere ciò che ha di più caro al mondo, dovrà derubare il temibile socio in affari di suo padre, Trent Rexroth. Partito dai bassifondi, Trent ha costruito la sua fortuna puntando solo sulle sue forze. Schivo e taciturno, la sua corazza di incomunicabilità si incrina dinanzi a sua figlia Luna, una bambina di quattro anni affetta da mutismo selettivo. Quando gli viene imposta una frivola diciottenne come stagista, lui si oppone con determinazione. Ciò che non si aspetta è di scoprire in Edie una ragazza grintosa, dotata di un altruismo e di una dolcezza che fanno breccia nel cuore della piccola Luna, tirandola fuori dal suo isolamento. Affascinato da Edie, Trent dovrà fare i conti con i quindici anni di differenza che lo separano dalla giovane che l’ha stregato, con le macchinazioni di un uomo determinato a distruggerlo e con la consapevolezza che la loro passione è troppo dirompente per essere arginata. Vittime di una faida familiare che li vede nemici giurati, Edie e Trent lotteranno con le armi della seduzione, dell’inganno e del desiderio per vincere una sfida irta di difficoltà. La sfida di un amore proibito e scandaloso, che scuoterà le esistenze di due amanti e la placida cittadina di Todos Santos. 

RECENSIONE

Scandalous. Senza inibizioni di L.J.Shen è il quarto volume dedicato alle storie dei quattro ragazzi di Todos Santos. Non avevo grandi aspettative su questo libro ed è stato meglio così, perché si è rivelato il migliore della serie per quanto mi riguarda. 

Ho trovato un protagonista magnetico, carismatico, certamente odioso e arrogante, ma con una grande forza di carattere che gli ha consentito di non apparire tedioso. Trent Rextroth è uno che è nato nella povertà, che ha vissuto ampiamente le difficoltà della vita e che poi, legandosi a tre ragazzi che lo hanno accolto tra di loro, unendosi in una società con lui, è diventato ricco senza però mai dimenticare le sue origini. 
Non è un personaggio facile, diciamo le cose come stanno. 
È nero, alto, robusto, fin troppo. Insomma, un tipino che non passa di certo inosservato, soprattutto per quanto riguarda le donne. In realtà nessuno degli Hot Holes passa inosservato. Ogni ragazzo del gruppo risulta essere bellissimo, sensuale, accattivante per la platea femminile. Ma per chi ha letto i tre volumi precedenti sa bene che Baron, Jamie e Dean, dopo varie peripezie, hanno trovato la loro anima gemella in tre ragazze che s’incastrano alla perfezione con i loro caratteri controversi e le loro vite sempre all’ultimo grido. 

 
I suoi occhi erano come pugnali, il suo sguardo mi bruciava la pelle ovunque si posasse.

Trent, al contrario, lo conosciamo quando è già un trentenne. Insomma, un uomo che ha messo la testa a posto, consapevole che le stupidaggini, soprattutto nei confronti delle donne, le ha già compiute e adesso è il momento di pensare al suo futuro. Non a caso è anche padre. La piccola Luna è figlia di un’unica serata che gli è costata il ruolo di padre per tutta la vita. Trent è andato a letto con Val, una donna di cui chiaramente non era innamorato e quest’ultima dopo aver cercato di ottenere un incauto tornaconto in denaro minacciando di abortire e riconosciuta l’insolenza e l’arroganza fino al midollo di Trent, ha dovuto fare marcia indietro con la coda tra le gambe, abbandonando sia lui che la bambina. 
Trent non si è perso di coraggio e grazie all’amore della propria famiglia di origine, è riuscito a crescere Luna da solo, un po’ giocando a fare il padre, un po’ credendoci veramente. 

 
Trent Rexroth era ben più che intelligente. 
Lui era diabolicamente brillante.

Luna è bellissima, tutti restano incantati da questa creatura molto particolare che ahimè non parla. Ebbene sì. Per una coincidenza assurda proprio Trent che è soprannominato Il muto, ha una figlia che si rifiuta categoricamente di parlare. Per questo, l’uomo frequenta una psicologa infantile, Sonia, che cerca di aiutare padre e figlia mettendo a loro disposizione la propria esperienza, e anche qualcos altro. È ovvio che Trent, bello e prestante, vada a letto con la psicologa e poi con l’investigatrice che ha assunto per trovare Val e infine con la vera protagonista di questo romanzo: Edie. 

Chi è Edie? 
Una ragazzina decisamente molto più giovane di lui, appena maggiorenne, che ama il surf, ha un migliore amico con cui va anche a letto, quindi un quasi fidanzato, e un padre che, guarda caso, è socio della società di Trent e dei suoi amici.  – Tutto di lei aveva un’aria matura. Era seducente, e non soltanto in senso fisico. 

Apriti cielo. 
Non poteva mancare l’elemento mistery e suspense, persino thriller, se vogliamo. Il padre di Edie, per oscuri motivi che si capiranno solo alla fine, è intenzionato a distruggere Trent, quindi decide di ricattare la figlia affinché agisca sotto mentite spoglie e diventi la sua personale spia pronta a carpire tutti i segreti più illeciti di Trent. 
Edie ha un rapporto molto negativo con il padre. Una madre che si sta autodistruggendo a causa dei continui tradimenti del marito. Questo aspetto mi ha colpito molto, perché è stato raccontato in modo molto diretto e realistico, senza risparmiarsi. 

 
Desideravo ciò che era proibito, 
sbagliato e dannatamente folle.

Trent è un personaggio maturo. Un uomo vero e proprio, così diverso dai suoi amici. Probabilmente è anche colpa del contesto temporale che vede i romanzi precedenti ambientati al liceo, mentre l’ultimo, è decisamente più avanti. 
Più avanti in tutti i sensi. 
Per chi ha letto le altre recensioni, sa che ho apprezzato solo Jamie, non perché lo amassi alla follia, ma solo perché è quello che non ha pretese. È semplice, genuino, molto onesto e sincero e lotta profondamente per ciò che ama. Non è cattivo come Vicious, né esilarante e stucchevole come Dean. Trent, al contrario, è un personaggio completo, che ha superato quella fase di chi sono o cosa faccio. Faccio cose buone o cattive. Mi diverto o cresco. Lui è quello che è e non dà nessuna possibilità di fraintendimento. – Era incredibile guardarlo spogliarsi della sua rabbia solo per me, pur rimanendo ancora completamente vestito.

È molto forte, determinato, e quando mette gli occhi su Edie, per lui esiste solo lei. La trascina nel suo mondo, adorandola come un principessa, nonostante sappia che lei vuole distruggerlo. 
Ovviamente stiamo parlando di Hate/Love e di Angst come se non ci fosse un domani. 
Amo questo genere di storie, e la Shen è molto brava a scriverle, ma non sempre tutte le ciambelle riescono col buco. 
Questa sì. 
Trent mi è piaciuto. Carismatico, silenzioso, serio, a volte scontroso, ma intenso e pronto a prendersi quello che vuole senza fare pagliacciate come ho letto nei romanzi precedenti, senza mettere i manifesti e senza calcare la mano. 
Lui decide e poi conclude. Senza alcun bisogno di applausi o di mettere in piedi l’ennesimo spettacolo da quattro soldi come uno dei suoi predecessori. 

 
Quella notte, guardai Edie troppo a lungo. 
Quella notte, non fui più lo stesso.

Eh, sì, devo ammettere che la Shen mi ha davvero convinto questa volta. Ciò che adoro di più dei suoi scritti è lo stile. Ecco perché continuo a leggerla e lo farò sempre. 
Non è facile, diamine, scrivere come lei. 
Anche una storia che non è pazzesca, scritta da lei diventa una bomba, perché le sue frasi sono create ad effetto, usa molti aggettivi, metafore, sempre con quel pizzico di originalità che la contraddistingue e che non annoia mai. È scorrevole, fluido, mai pesante. Un marchio di fabbrica che conferma davvero il suo ruolo predominante nel panorama romance mondiale. 
Quando la leggi, ti rendi subito conto che non si sta arrampicando sugli specchi, che non sta allungando il brodo. È tutto lì, pieno, corposo, avvincente, senza fiato. 

Scandalous. Senza inibizioni, non è così scandaloso come appare. Voglio dire, è la storia di un uomo di trent’anni e di una diciottenne, nulla di così osceno o trasgressivo. Però, è una storia che ha il suo perchè. Personaggi studiati bene, carismatici, di sostanza, che permeano le pagine e fanno sentire la loro presenza fino alla fine. 
Spesso leggo di libri dove i protagonisti sembrano evanescenti. Li percepisci all’inizio e poi lentamente vanno sbiadendo. Non so se a voi è mai capitato. Beh, non è questo il caso; sia la storia ben congegnata, con la giusta dose di colpi di scena, intrigante e sensuale, sia i personaggi intensi, rendono questo romanzo scoppiettante, ma anche maturo, persino riflessivo, studiato. 
Un romance ad alti livelli che ha molto da insegnare.

Nessun commento:

Posta un commento